Quanto sono social i leader italiani?

 

La nostra analisi vuole fotografare il comportamento online dei principali leader in vista delle prossime elezioni politiche.

Abbiamo svolto un monitoraggio online per un periodo di due mesi, dal 15 ottobre al 15 dicembre, delle pagine Facebook, Twitter e Instagram dei leader dei principali partiti politici. Nell’analisi non sono presenti i dati relativi alle pagine social del leader di Liberi e Uguali, Pietro Grasso, perché sceso in campo ufficialmente il 3 dicembre 2017.

Il vincitore sui social è Matteo Renzi, con una media di 6.187  interazioni (like, commenti, condivisioni o retweet) per post.

In seconda posizione si colloca Matteo Salvini (5.372 interazioni in media), colui che pubblica più di tutti: 290 post, 309 cinguettii e 69 immagini tra il 15 ottobre e il 15 dicembre. Infine, terzo gradino per Luigi Di Maio (4.771 engagement medio per post), le cui interazioni si devono soprattutto alla campagna elettorale siciliana.

La nostra analisi ha riguardato anche le pagine Facebook, Twitter e Instagram di Angelino Alfano, Emma Bonino, Alessandro Di Battista, Nicola Fratoianni, Paolo Gentiloni, Beppe Grillo, Giuliano Pisapia e Roberto Speranza. 

Di Battista e Grillo hanno un engagement per post paragonabile ai livelli dei principali leader politici, ma sono stati considerati in questo secondo gruppo di attori perché non candidati del Movimento 5 Stelle.

Anche in questo caso il grafico riassume l’engagement medio per post raccolto sui profili social. Emma Bonino, Nicola Fratoianni, Beppe Grillo, Giuliano Pisapia e Roberto Speranza non hanno un account Instagram o hanno un profilo inattivo.

Com’è evidente dal grafico, l’engagement medio per post è modesto ad eccezione di quello di Di Battista, che colleziona una media di interazioni di 13.247 per post, e di Beppe Grillo con una media di 2.454.

È necessario precisare che nel calcolo dell’engagement non sono considerate le visualizzazioni ottenute con le pubblicazioni dei video, in quanto saranno oggetto di un’analisi successiva.

MR & Associati sui social