La crescita social di Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia e dei loro leader

 

Il 4 marzo è la data in cui gli italiani saranno chiamati a scegliere i loro rappresentanti in Parlamento. E noi ci prepariamo a questo importante appuntamento monitorando i social dei principali schieramenti politici e dei loro leader, tastando gli umori del web e osservando in che direzione si muovono.

Argomento di questa analisi sono i social dei partiti di centro-destra e dei loro leader: Forza Italia con Silvio Berlusconi, Lega Nord con Matteo Salvini e Fratelli d’Italia con Giorgia Meloni.

I PARTITI

Lega Nord Padania

Primo dato interessante: la pagina della Lega Nord su Facebook si chiama ancora Lega Nord Padania*, nonostante il tentativo di Salvini di trasformare il partito in un soggetto politico territorialmente trasversale. Nel periodo di analisi (6 – 16 dicembre) le sue pagine social non riscuotono successo in termini di acquisizione di nuovi fan. Nel dettaglio, Facebook cresce dello 0,06% passando da 331.950 a 332.137 fan; la pagina Twitter va leggermente meglio, aumentando la sua audience dello 0,20% (da 24.908 a 24.977 follower). Chiude Instagram con un incremento dello 0,06%, totalizzando 3.600 follower.

Su Facebook, la Lega realizza un numero consistente di post, raggiungendo picchi di 50 al giorno, che trattano la maggior parte delle volte temi quali l’immigrazione clandestina, la disoccupazione, le risorse economiche e la giustizia. Questi post sono principalmente condivisioni di articoli del sito Il Populista e della pagina personale di Salvini. Non mancano, ma in misura minore, le social card informative, i video con interventi del leader e di altri esponenti del partito. Il tono dei post e dei tweet è sempre molto critico e polemico, piovono le denunce di ingiustizie e le riposte alle accuse che subiscono gli esponenti del partito.

Forza Italia

La pagina Instagram di Forza Italia è quella che tra tutte registra l’incremento più alto in termini di follower, passando da 3.240 a 3.491 (+7%). La pubblicazione dei post, riguardanti principalmente Silvio Berlusconi, ha una sua regolarità. La pagina Facebook, che conta oggi 162.804 fan, cresce solo dello 0,11% nel periodo analizzato e presenta una comunicazione numericamente meno forte di quella della Lega. Vengono pubblicati un paio di post al giorno, la maggior parte dei quali sono social card con una citazione del leader e la sua firma in calce, marchio distintivo delle sue famose promesse a cui oggi si aggiungono dei “consigli” positivi forgiati sulla base dell’esperienza di vita di successo di Berlusconi. Numerose sono anche le infografiche riassuntive della posizione del partito riguardo temi di attualità come il biotestamento, le pensioni minime, lo ius soli, la violenza sulle donne. Nel periodo analizzato, l’account Twitter di Forza Italia aumenta il suo bacino d’utenza dello 0.18%. I contenuti sono tutti retweet del profilo di Berlusconi o di altri esponenti del partito.

Fratelli d’Italia

La crescita più significativa tra le pagine social di Fratelli d’Italia la raggiunge Instagram. Stiamo parlando di un’impennata di 2 punti percentuali nel periodo di tempo preso in esame, fino a raggiungere 2.683 follower, nonostante l’account non sia costantemente attivo. La crescita di audience su Facebook registra una performance meno significativa, con una variazione dello 0,20%. Spopolano sulla pagina le condivisioni di articoli dal blog di Giorgia Meloni o del partito, che affrontano temi cari alla compagine come immigrazione, sicurezza, economia, lavoro e diritti per gli italiani. Non mancano i video e le dirette live con protagonisti gli esponenti del partito. Proprio nelle ultime settimane sono stati pubblicati i video riassuntivi degli interventi di coloro i quali sono intervenuti durante il 2° Congresso nazionale di FDI-AN tenutosi il 2-3 dicembre a Trieste. Infine, la pagina Twitter cresce dello 0,43% nelle due settimane centrali del mese di dicembre. Anche in questo caso i contenuti principali sono retweet dei vari rappresentanti a cui si sommano le condivisioni dei post del loro blog.

 

I LEADER

Per tutti e tre i leader dei partiti che compongono il centro-destra è la pagina Twitter a crescere di più. In testa si colloca il leader di Forza Italia, il cui account registra un incremento di 5 punti percentuali in termini di follower, proponendo tweet quasi mai accompagnati da fotografie o video. Segue la pagina di Salvini (+1,36%), e infine quella di Meloni (+1%). Sulle pagine di questi due leader pullulano i tweet confezionati fotografando i post pubblicati su Facebook, così da superare l’ostacolo del limite dei 280 caratteri.

Stesso discorso e stessa classifica per il social fotografico per antonomasia. Medaglia d’oro per la crescita della pagina Instagram va nuovamente a Berlusconi, in quanto cresce di quasi 2 punti percentuali nelle settimane sotto la lente d’ingrandimento. L’argento va al leader della Lega che incassa una crescita dell’0,97%, mentre Giorgia Meloni aumenta il suo bacino di follower solo dello 0,43%.

Proprio la leader di Fratelli d’Italia, con una media di 5 post al giorno, è colei che registra la migliore performance sul social più utilizzato: Facebook. La sua pagina è cresciuta dello 0,27%, contando ora 734.333 seguaci. I post di Meloni alternano i contenuti politici ben spiegati con testi molto corposi e dettagliati sui temi “classici di destra” (centralità del nucleo familiare tradizionale, lotta all’immigrazione clandestina, sicurezza) a quelli a carattere personale, con fotografie in famiglia e della vita privata. Numerosi i video delle varie ospitate nei talk show televisivi o i format come “#2minuticonGiorgia” la cui ultima puntata, in cui si parla dell’importanza del presepe nella tradizione italiana, è stata visualizzata 1 milione di volte. Non mancano le invettive contro gli altri partiti in formato scritto o in pillole video live o preconfezionate.

Salvini, che vede aumentare il suo bacino di fan dello 0,21%, adotta una gestione simile della pagina puntando però più contenuti fotografici e aggiungendo dei veri e propri meme sui suoi avversari politici, ed eccelle su tutti per quantità, arrivando a pubblicare anche dieci post al giorno, doppiando Giorgia Meloni e superando di gran lunga Berlusconi, la cui media di pubblicazione è di 2 post al giorno. Proprio Berlusconi è il fanalino di coda per il dato sulla crescita Facebook: la sua pagina colleziona il valore più basso di tutte, facendo registrare un incremento dello 0,01%. Oltre alla narrazione di sé stesso, che prende la maggior parte dello spazio nei suoi post, le sue bandiere elettorali sono le tematiche economiche, in primis la causa delle agevolazioni fiscali per gli imprenditori italiani. Seguono le questioni legate al sistema politico istituzionale, come ad esempio la legge elettorale e le riforme sulla giustizia.

*Update 8/01/2018: Le pagine social del partito hanno ufficialmente cambiato il loro nome (e il simbolo) in Lega – Salvini Premier.

analisi di @MgCarbotti

MR & Associati sui social